Labirintite: virus e batteri i principali responsabili | Acustica Umbra
otosclerosi
Otosclerosi: diagnosi e modalità d’intervento
31 Marzo 2022
Impedenziometria acustica
Impedenziometria acustica: come e quando si fa
21 Aprile 2022

La labirintite è l’infiammazione del labirinto, una struttura dell’orecchio interno deputata al mantenimento dell’equilibrio, e dei rispettivi canali semicircolari. Può essere sia acuta che cronica e contemplare disturbi di intensità variabile. 

Le vertigini rappresentano il sintomo principale, ma trattandosi di un segnale piuttosto comune non sempre il disturbo viene immediatamente individuato. Una volta effettuata correttamente la diagnosi, si può provvedere a strutturare una cura adeguata. 

I vari tipi di labirintite 

La labirintite può essere acuta o cronica. Nel primo caso, è una complicazione dell’otite media. Nel secondo caso, succede che ripetute otiti siano andate a interessare anche l’osso in cui è contenuto l’orecchio interno.  

All’origine della labirintite possono esserci diverse cause, le quali concorrono a individuarne la tipologia. Possiamo avere così:

  • labirintite virale, causata da virus (solitamente quello influenzale e parainfluenzale o il citomegalovirus);
  • labirintite batterica, innescata da streptococchi, stafilococchi ed escherichia coli, ovvero batteri piogeni;
  • labirintite da frattura della rocca petrosa, la parte di osso temporale in cui sono localizzate le cavità dell’orecchio e la cui rottura può portare appunto ad un’infiammazione del labirinto. 

Sintomi e cura della labirintite 

I sintomi della labirintite consistono in vertigini, acufeni, nausea, nistagmo (movimenti velocissimi e involontari dell’occhio) e, in alcuni casi, sordità. Possono inoltre variare d’intensità a seconda della gravità e delle cause che l’hanno scatenata.  

Per quanto riguarda la cura di una labirintite, il piano terapeutico può essere duplice.
L’intento primario è attenuare l’infiammazione del labirinto, ma parallelamente è possibile intervenire sui sintomi allo scopo di renderne la percezione meno impattante. In base al tipo di infiammazione, il medico potrà prescrivere antistaminici o cortisonici.  

Quando vi è il sospetto di una labirintite, è opportuno rivolgersi quanto prima ad un otorinolaringoiatra; se non trattata adeguatamente può compromettere l’udito anche in tempi rapidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *