Fischio o ronzio all’orecchio: a cosa può essere dovuto | Acustica Umbra

Fischio o ronzio all’orecchio: a cosa può essere dovuto

Orecchio ovattato dopo un’immersione
Orecchio ovattato dopo un’immersione subacquea? Attenzione ai barotraumi
14 Aprile 2021
tinnito
Cause e sintomi del tinnito
30 Aprile 2021

Milioni di persone in tutto il mondo hanno sperimentato ronzii o fischi che possono interessare un solo orecchio o entrambi. Si tratta dei cosiddetti acufeni e se in alcuni casi non vi è all’origine nessuna condizione fisiologica preoccupante, in altri è opportuno indagare in maniera approfondita le eventuali cause. 

Sentire un fischio o ronzio all’orecchio può generare un diffuso stato di malessere per più motivi, che vanno dalla compromissione parziale dell’udito al senso di impotenza nei confronti di un disturbo decisamente invasivo. Non a caso, le conseguenze della sofferenza indotta dagli acufeni sono irritabilità e ansia, seguite da stress che, non di rado, si trasforma in depressione. 

L’acufene inficia la qualità dell’ascolto: per chi ne è affetto la sensazione costante è quella di un elemento che va a interferire con la percezione normale del suono, sia che quest’ultimo provenga da un interlocutore o che sia riconducibile ad altra fonte. Il fastidio può durare qualche secondo oppure ore, emergere poche volte al mese o al contrario più volte anche in una sola giornata. 

Fischio o ronzio all’orecchio sono dei segnali da non trascurare 

L’acufene è a tutti gli effetti un suono in quanto è perfettamente udibile da chi lo sperimenta; inoltre l’imaging a risonanza magnetica (MRI) ha dimostrato che vi è collegata attività cerebrale. Se il ronzio all’orecchio diventa un episodio ricorrente, sarà opportuno interrogarsi sulle cause, rivolgendosi a un professionista.

A cosa possono essere legati i continui fischi nelle orecchie? 

  • A traumi, sia a carico dell’orecchio che al cervello. Un trauma acustico è infatti un tipo di ipoacusia neurosensoriale; 
  • esposizione frequente a suoni troppo forti (dalla musica a strumenti lavorativi, come il trapano per lavori stradali); 
  • A malattie di vario tipo, infiammazioni e infezioni legate all’apparato uditivo, sia relativamente all’orecchio medio che all’orecchio interno (sindrome di Menierèotosclerosi, otite, colesteatoma, mastoidite); 
  • Stress e ansia (in questo caso si parla appunto di acufeni da stress). 

In ogni caso, una visita specialistica è altamente consigliata. Solo un professionista può verificare se all’origine del fischio o ronzio all’orecchio vi è una malattia o meno, procedendo successivamente con tutti i rimedi del caso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *