I problemi di udito nei giovani | Acustica Umbra
udito ovattato cause
Udito ovattato, le cause che lo determinano
27 Novembre 2020
Centro Acustico a Empoli
Presto l’apertura di un Centro Acustico a Empoli!
14 Dicembre 2020

L’OMS lancia l’allarme: l’ipoacusia incombe sui nostri figli. La metà delle persone comprese all’interno del range d’età 12-35 anni (vale a dire più di un miliardo di giovani) corre rischi all’udito. Questo per via dell’esposizione prolungata a suoni forti, tra cui la musica in cuffia. 

Giovani e ipoacusia: i dati ufficiali del problema 

Le cifre sono preoccupanti, motivo per cui OMS e ITU (International Telecommunication Union) hanno deciso di collaborare nello studio di un nuovo standard internazionale che permetta di rendere più sicuri per l’udito Smartphone e lettori audio. Lo studio, durato due anni, ha portato all’implementazione di quelle che dovrebbero essere le caratteristiche utili a rendere i dispositivi futuri più sicuri: funzione “Sound allowance”, profilo personalizzato, opzioni di limitazione del volume, informazioni generali sulle pratiche di ascolto sicure. 

Secondo i dati elaborati dall’OMS, attualmente, 446 milioni di persone nel mondo (più del 5% ) soffre di un forma di ipoacusia. Le previsione per il futuro non sono rosee, visto che si prevede un aumento a 900 milioni del numero di persone che nel 2050 soffrirà per una perdita uditiva disabilitante. Adottando adeguate misure di sanità pubblica, però, si potrebbero abbassare questi dati della metà.  

Problemi di udito nei giovani: la questione Millenials 

Dunque, Millenials generazione a rischio ipoacusia, ma cosa succede quando questo problema compare nell’età adolescenziale? Innanzitutto va precisato che nel periodo che va dagli 8 ai 18 anni il linguaggio è già consolidato. Questo porta all’apertura di scenari diversi. Le evoluzioni dipendono dal contesto educativo della scuola, dallo sviluppo psicointellettivo del soggetto e dalla possibilità di riuscire a gestire eventuali ritardi nell’apprendimento della lettura o della scrittura, senza causare traumi. 

Psicologicamente, i problemi di udito nei giovani sono fonte di pressing emotivo, causato dalla difficoltà di non avere le stesse capacità di comunicazione dei propri coetanei. Questo porta a sviluppare un senso di esclusione molto forte che fa da terreno di coltura per fenomeni depressivi, a partire dalla prima adolescenza, uniti alla difficoltà di relazione che potrebbero accompagnare la persona per tutta la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *