Abbassamento dell’udito: le cause che lo determinano | Acustica Umbra
fischi alle orecchie
Ronzii e fischi alle orecchie. Perché succede?
1 Ottobre 2020
presbiacusia
La presbiacusia ovvero i problemi di udito negli anziani
17 Novembre 2020

L’ipoacusia rappresenta l’indebolimento dell’apparato uditivo dovuto all’azione singola o concomitante di fattori ambientali ed endogeni, quando non è di natura congenita. Può colpire un solo orecchio od entrambi e si stima che oggi, nel mondo, ne soffra circa il 12% della popolazione.   

I principali fattori che causano i disturbi dell’orecchio 

Come abbiamo detto, l’abbassamento dell’udito ha cause diverse che possiamo sintetizzare nella tabella seguente: 

  • abitudini alimentari 
  • inquinamento acustico 
  • malattie  
  • medicinali ototossici 
  • predisposizioni genetiche 
  • stress emotivi e lavorativi 
  • traumi 
  • vecchiaia 

Abbassamento dell’udito: le possibili cause

I cosiddetti alimenti nervini (sale, alcol, caffè, the, cacao, ecc.), oltre a insaccati, cibi preconfezionati, dolcificanti artificiali, carni grasse e oli vegetali, direttamente o indirettamente, possono avere conseguente nefaste per il nostro udito.  L’inquinamento acustico come causa di ipoacusia è cosa nota da tempo, non per niente il D.Lgs. 81/08 contiene una sezione legata al controllo del rumore negli ambienti di lavoro. Così come un’altra normativa si occupa dell’inquinamento acustico ambientale. 

Alcune malattie come rosolia, sifilide, infezioni croniche dell’orecchio, meningite, morbillo o parotite epidemica possono causare diminuzione dell’udito. Anche determinati tipi di medicinali ototossici, come alcuni tipi di antibiotici, FANS, diuretici, antimalarici e chemioterapici antineoplastici annoverano tra i possibili effetti collaterali problemi uditivi. Inoltre, in alcuni casi l’abbassamento dell’udito ha cause genetiche. I dati statistici ci dicono che il 1-3 dei bambini nasce con un deficit uditivo, di cui la metà ha origini ereditarie. 

La perdita uditiva può anche essere causata dallo stress, sia esso di natura emotiva che lavorativa. È pur vero il contrario: la persona che perde l’udito può avere difficoltà ad accettare la nuova condizione e questa situazione genera stress. I traumi che coinvolgono l’apparato uditivo, come ferite alla testa o presenza di corpi estranei nell’organo, possono portare a perdite anche significative dell’udito. Infine, durante la vecchiaia l’abbassamento più o meno marcato dell’udito fa parte del deficit generale dell’organismo.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *