La Fonofobia | Acustica Umbra
La Presbiacusia
21 Luglio 2016
Rischi di esposizione al rumore
22 Luglio 2016

Si può essere intolleranti ai rumori? Per chi vive in città vivere i rumori quotidiani con preoccupazione e fastidio può diventare una vera malattia e un’ossessione incontrollabile. Invece sono più di sessantamila le persone che soffrono di iperacusia, l’intolleranza ai rumori. Sono persone che hanno una soglia di sopportazione ai rumori molto bassa ma che spesso sfociano in una vera e propria fobia ad ogni tipo di rumore: la fonofobia.

Cos’è che da New york a Roma a Tokyo accomuna tutte le metropoli del mondo? Qual è la prima cosa che nota un cittadino appena esce dal traffico e dalla vita frenetica di una grande città? Il rumore. Forse ne siamo talmente immersi e abituati che non ci facciamo più caso, trascurandolo. Ma le nostre città, le nostre case e le strade che percorriamo sono invase da rumori di ogni genere, che spesso superano il limite della sopportazione uditiva di cui la maggior parte delle persone nemmeno si accorge. Ma ci sono persone molto sensibili che hanno sviluppato una vera e propria allergia ai rumori, anche quelli più insospettabili. Si chiama Iperacusia e si contraddistingue per una serie di reazioni “allergiche” causate da rumori intensi ed improvvisi. Forse è anche peggio di una semplice allergia, visto le infinite fonti da cui può dipendere l’intolleranza ai rumori. Dal rombo di un motore di aereo, al suono di una stereo, alla polifonia di certi cellulari chi soffre di iperacusia è ossessionato e bloccato nelle sue attività quotidiane da ogni genere di rumore che superi la sua personale capacità di sopportazione. Spesso, nel 30% dei casi, l’iperacusia è associata a un altro problema di percezione dei suoni: gli acufeni. Se vuoi saperne di più leggi cosa sono gli acufeni. Ma l’iperacusia può anche essere provocata da fattori ereditari o da un’iperattività del sistema nervoso centrale. In alcuni casi il disturbo può presentarsi nei bambini, spesso si evidenzia nei piccoli autistici e in altri casi si manifesta a seguito di stati d’ansia. Sono queste le conclusioni stabilite alla Giornata Europea della Logopedia. A sostegno della rilevanza del problema l’Airs (Associazione Italiana Ricerca sulla Sordità) e il Centro Acufeni del Policlinico Umberto I di Roma rileva che in Italia ci sono almeno sessantamila persone che soffrono di iperacusia, che spesso non riescono a vivere in modo normale e che a volte impazziscono a causa dei rumori quotidiani. Il rischio maggiore per chi soffre di iperacusia, oltre ad una qualità di vita scarsa, intollerabilità continua è il chiudersi in se stessi, invece di provare a riaprirsi ad un mondo pieno di suoni. Se vuoi saperne di più scopri i sintomi dell’iperacusia.

La percezione del rumore è una vera e propria arma di difesa verso ciò che ci circonda: quando il nostro udito è attirato da un rumore è come se ci chiedessimo: “come questo rumore può danneggiarmi?”. Molto spesso l’ipersensibilità nei confronti dei suoni inizia con una paura irrazionale e poi si struttura nel tempo. L’ossessione dei rumori può progredire e complicarsi fino al punto di divenire una vera e propria fobia: siamo arrivati all’ultimo stadio, la fonofobia. E’ una patologia psichiatrica che porta il soggetto ad avere letteralmente paura dei suoni che normalmente sono presenti nel quotidiano. Ma non solo quelli considerati generalmente insopportabili, proprio tutti i rumori, senza che il cervello riesca davvero a riconoscere quelli che vanno ignorati e quelli che invece sono da tenere in considerazione. I fonofobici, di conseguenza, si mettono in allarme senza che esista un reale motivo. Nella cura dell’ipersensibilità uditiva la terapia esiste ed è finalizzata ad allenare il cervello a sostenere i rumori e ad accettarli in modo graduale e progressivo. Una specie di “immunoterapia”, proprio come quella che è utilizzata per riabituare l’organismo ad un alimento che provoca allergia. Nel caso della fonofobia il sound therapy tradizionale sarà associata a un sostegno psicologico. Se vuoi saperne di più leggi in cosa consiste il sound therapy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *